Certificazioni

Dirigente Scolastico

prof. Luigi Melpignano

Area Riservata

Lavoratori sicuri

Rendicontazione Sociale

Inclusione

Calendario

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Scuola-Lavoro

Collaboriamo con...

GDPR-Privacy

Amm. Trasparente

R.S.U. - Bacheca

Newsletter

Link Utili

Titolava così una meravigliosa pellicola di qualche anno fa.

E così dovremmo dire di Giuseppe Cassano, certamente anche lui la “meglio gioventù” italiana.

Giuseppe, alunno della classe 3 C Informatica del nostro Istituto, già Alfiere della Repubblica (sic!) appena promosso con il massimo dei voti, è stato premiato dalla Fondazione Sinderesi della Provincia di Lecco, dal Comune di Lecco e dalla rivista Famiglia Cristiana, nella persona del suo direttore, don Stefano Stimamiglio, per il suo impegno “in 3D” ai tempi del primo lock-down, per essersi rimesso in gioco, dopo un’esperienza cosi forte come quella che aveva vissuto e  e per non aver mai smesso di dare il meglio di sé in ogni campo e con indiscussi meriti personali.

A cercarlo sono stati proprio Gerolamo Fazzini, giornalista e docente, che, insieme all’assessore all’Istruzione della Regione Lombardia e al Prefetto Laura Motolese, ha individuato in questo ragazzo straordinario, insieme ad altri 14 ragazzi, provenienti da tutta Italia, un Giovane Protagonista della vita della Nazione, per “essersi speso per gli altri, per aver lottato per ideali alti, per aver testimoniato passione per la verità, la libertà e la giustizia.”

Il nostro studente è stato così invitato a partecipare ad un’intensa due giorni di studi e attività varie svoltesi il 13 e il 14 giugno tra Lecco e il Politecnico di Milano, dove ha potuto approfondire proprio la tecnica della Stampa 3D, che pare essere solo una delle sue grandi passioni e ha potuto presiedere all’inaugurazione di una mostra di ritratti e articoli, per l’appunto intitolata “GIOVANI PROTAGONISTI”, mostra nella quale faceva bella mostra di sé il suo ritratto, un approfondimento sulla sua giovane vita di “eroe dei nostri giorni” e dove, soprattutto, compito di realtà, ha potuto incontrare e conoscere da molto vicino le storie di giovani come lui, coetanei coraggiosi di ieri e di oggi, da Rosario Livatino a Malala, da Sophie Scholl della “Rosa Bianca” a Bebe Vio.

La meglio gioventù italiana, della quale ormai Giuseppe è a pieno titolo rappresentante.

Giuseppe ha 16 anni.

Che la vita lo conservi esattamente com’è!