Certificazioni

Lavoratori sicuri

Dirigente Scolastico

prof. Luigi Melpignano

Rendicontazione Sociale

Inclusione

Calendario

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Scuola-Lavoro

Collaboriamo con...

GDPR-Privacy

Amm. Trasparente

Newsletter

R.S.U. - Bacheca

Link Utili

Nel pomeriggio di sabato 19/3/2022 si è disputata online la Selezione Territoriale delle Olimpiadi di Cybersicurezza (OliCyber) e si è conclusa con un nuovo record nazionale per l’IISS Ferraris di Molfetta, che avrà 5 studenti ammessi in finale su 100 finalisti che parteciperanno alla gara nazionale che si terrà a Torino dal 27 al 29 maggio 2022.
Il primato raggiunto dal Ferraris in Italia, identico al risultato conseguito nell’edizione 2021, quest’anno è condiviso con l’Istituto Dell’Erba di Castellana Grotte, anch’esso presente in finale OliCyber con 5 studenti.
Grazie a queste performance ed ai risultati degli altri Istituti pugliesi in gara, la regione Puglia si colloca al primo posto in Italia con ben 21 studenti finalisti nell’edizione 2022, seguita dalla Lombardia con 12 finalisti e dall’Emilia-Romagna con 10 (c.f.r. https://olicyber.it/edizioni/2022)
Ancora una volta, dunque, il Ferraris di Molfetta si distingue nelle competizioni informatiche di eccellenza, come già avvenuto per le Olimpiadi di Informatica sia individuali che a squadre, risultando essere in Italia la scuola con il maggior numero di studenti finalisti.
I 5 studenti ammessi in finale frequentano l’indirizzo “Informatica e Telecomunicazioni” del Ferraris e sono: Ignazio Spaccavento ed Alessio Pagano della classe 5AI, e Pierluigi De Palo, Luca Papagni ed Andrea Tempesta della classe 4AI.
Il Dirigente del Ferraris, prof. Luigi Melpignano, da sempre convinto sostenitore delle competizioni olimpiche, si congratula con i 5 studenti.
La competizione OliCyber è organizzata dal consorzio universitario CINI e dal Cybersecurity National Laboratory, con la finalità di scovare e formare i nuovi cyberdefender, che possono contribuire alla protezione del “Sistema paese” dalle minacce e dagli attacchi cyber, sempre più frequenti ed attuali anche come strumenti di guerra, come i recenti e drammatici avvenimenti mostrano.
Nelle immagini sono ripresi alcuni momenti del training di formazione proposto al vivaio di talenti informatici del Ferraris, in presenza e a distanza, durante il quale gli studenti stanno via via acquisendo competenze di cybersicurezza e di programmazione in ambiente linux e con il linguaggio Python.