Dirigente Scolastico

prof. Luigi Melpignano

Rendicontazione Sociale

Inclusione

Calendario

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Scuola-Lavoro

Collaboriamo con...

GDPR-Privacy

Amm. Trasparente

Newsletter

R.S.U. - Bacheca

Link Utili

Per il quinto anno di seguito ritorna all’ I.I.S.S. “GALILEO FERRARIS” il progetto lettura, iniziativa fortemente promossa dal dirigente scolastico prof. Luigi Melpignano.
Con il tempo si è formata all’interno dell’Istituto la realtà, ormai consolidata, del circolo dei lettori, un gruppo costituito da ragazzi e ragazze appassionati alla lettura e coordinato dalle docenti prof.ssa Clara Spagnoletta e prof.ssa Beatrice Scava.
Attraverso letture di libri e incontri con gli autori si affrontano tematiche diverse, fortemente ancorate all’attualità, ai processi adolescenziali e sociali.
il progetto di quest’anno scolastico è intitolato "LE PAROLE NON CI FANNO PAURA".
La lettura, fondamentale strumento di conoscenza, può abbattere quelle barriere che spesso pregiudizi e stereotipi costruiscono generando paura e odio.
Il primo libro a cui noi ragazzi ci siamo dedicati è stato BARI CALIBRO 9 –Storia della Camorra barese di Domenico Mortellaro, il 28 ottobre presso l’aula magna del liceo OSA “Rita levi Montalcini” si è svolto l’incontro con l’autore
Durante la presentazione lo scrittore: sociologo e criminologo ha parlato delle figure di maggior spicco della camorra barese e delle loro modalità di azione partendo da una domanda: "Come è riuscito questo sistema criminale a mettere e radici così profonde in una città come Bari?"
Dopo averci illustrato la straordinaria capacità di adattamento che questo sistema ha rispetto anche ai cambiamenti economici e sociali l'autore ha ripercorso la storia delle politiche edilizie baresi partendo dal secondo dopoguerra analizzando ogni dettaglio.
Il dibattito si è concluso con il tema che a noi adolescenti è sempre più vicino, ovvero quello dello spaccio e consumo di droghe leggere, sicuramente dopo questo incontro l'autore ci ha reso consapevoli di quanto sia pericoloso e al contempo facile finire involontariamente nelle pericolose maglie di qualcosa più grande di noi, la cosi detta "camorra barese".